LCIF… Conosciamola meglio

La Lions Clubs International Foundation (LCIF) è il braccio umanitario del Lions Clubs International ed è la ONG numero uno al mondo.

È bene ricordare che le aree di intervento della Fondazione spaziano dalla vista ai giovani, dalle catastrofi o emergenze naturali ai bisogni umanitari. Per ciascuno di questi settori vengono stanziate somme che annualmente si aggirano intorno ai 25-30 milioni di dollari, escluse le campagne in corso quali, ad esempio, quella contro il morbillo e la rosolia.

Vista – 1.209 progetti approvati a tutt’oggi, per un valore di 319,9 milioni di dollari, in ben 102 paesi.
• Restituita la vista con interventi di cataratta a 8,1 milioni di individui.

• Trattati con antibiotico 271 milioni di individui per eradicare la cecità da fiume.
• Effettuati screening sulla vista a 20 milioni di bambini in partnership con Sight for kids della Johnson & John- son.

• Consegnati centinaia di milioni di occhiali usati nel terzo mondo.
• Formato migliaia di medici e para medici per potenziare cliniche, ambulatori e padiglioni oftalmici.

Giovani – Per l’area giovani il nostro programma di maggior successo, che ci qualifica in ambito internazionale è il Lions Quest. È un piano che abbraccia 3 differenti tipi di scuole e quindi di età: primaria, secondaria e superiore. Possono esserne coinvolti insegnanti, genitori e alunni. A seconda dell’interlocutore vengono proposte strategie di approccio e di intervento sui processi di crescita fisica, emotiva e sociale che mai come oggi sono elementi destabilizzanti per la maggior parte dei ragazzi. Ad oggi questo programma di promozione a tutto campo di rispetto, responsabilità ed impegno è stato tradotto in 36 lingue, sono stati formati 550.000 educatori che, a cascata, hanno incontrato 13 milioni di giovani. Emergenze e catastrofi – Rivestono un’importanza primaria per la Fondazione in ragione del fatto che cerca di dare una risposta più pronta e cospicua possibile ai disastri su piccola e grande scala.
• Risposte a circa 150-200 richieste annuali di “Emergency Grants” per un ammontare di 1,4 milioni di dollari, supportati 3.960 progetti per un importo di 31,5 milioni di dollari. L’alluvione rimane l’emergenza pri- maria di tutte le richieste.

• Sono stati assegnati per il terremoto giapponese 21,1 milioni di dollari, 15 milioni per lo tsunami in Asia, 5 milioni per l’uragano statunitense Katrina, 6 milioni per il terremoto di Haiti.

• 4.000 case sono state ricostruite a seguito delle devastazioni, ma il numero è destinato a crescere in quanto nelle Filippine l’unità di crisi non ha ancora terminato il proprio intervento.

Bisogni umanitari – In questo ambito la Fondazione privilegia le disabilità, pertanto per tutti quei progetti che hanno come finalità l’alloggiamento, la riabilitazione, il trasporto, i campi di lavoro e di gioco, le infrastrutture scolastiche per ipovedenti, i cani guida ha stanziato 14,2 milioni di dollari. Ovviamente ci sono altri sussidi compresi tra i bisogni umanitari, l’essenziale è che rispondano alle linee guida previste, che i beneficiari siano il numero più elevato di persone possibili, che siano pensati, realizzati e seguiti dai Lions in prima persona. L’attuale “Campagna contro il Morbillo” rientra in questa area. Dal 2011 anno in cui siamo entrati formalmente a condividere il progetto della Fondazione Gates, abbiamo vaccinato 200 milioni di bambini diminuendo la mortalità giornaliera da 450 a 330 piccoli con l’inoculazione di un vaccino dal costo di un dollaro. Fino al 2017, anno del nostro Centenario, il nostro obiettivo è quello di raccogliere 30 milioni di dollari che saranno raddoppiati dalla Fondazione Gates, con l’ambizione di eradicare la malattia più contagiosa e più devastante del pianeta.

LCIF non è nata per riscuotere benemerenze ma per testimoniare l’attività dei Lions che, a prescindere dalle latitudini, lavorano al fianco di chi è meno fortunato per consegnargli una vita più degna di essere vissuta.

Condividi

 

Tags

Scroll to top