Cercatori di Bellezza

“Cercatori di Bellezza”. Il Lions Club di Caltanissetta e La Notte Nazionale del Liceo Classico.
Di Salvatore Vizzini e Alfonso La Loggia

Nell’ambito del Service “La Scuola come valore sociale” si è svolta il 13 gennaio presso l’Auditorium del Liceo Classico “Pietro Mignosi” di Caltanissetta la seconda manifestazione del ciclo “Cercatori di Bellezza”, organizzata dal Lion Prof. Salvatore Vizzini, docente di Latino e Greco presso lo stesso Liceo, in collaborazione con il Lions Club di Caltanissetta, presieduto dal Dott. Marco Maira. La serata è iniziata con la proiezione di un video per celebrare La Notte Nazionale del Liceo Classico e la lettura di alcune note tratte dal libro di Andrea Marcolongo “La lingua geniale”- 9 ragioni per amare il greco. Ha letto il giovane Mattia Augello frequentante la classe prima del Liceo Classico Mignosi: Ecco perché amare il greco antico, una lingua geniale. «Quando mi trovo nelle scuole chiedo ai ragazzi di aiutarmi, di capire perché stanno frequentando, oggi, il liceo classico: le risposte che mi danno mi rendono più che certa che alla polemica in corso sfugga qualcosa. Ci si continua a domandare se serva o meno il greco nel mondo del lavoro o se sia utile: ma i ragazzi non sono utenti, sono esseri umani che si stanno formando in un percorso molto più complicato del greco, l’adolescenza. Perché ci si interroga sempre sul futuro e non si osserva cosa accade ai ragazzi nel mentre, in quei cinque anni in cui studiano il greco? Ecco alcune risposte che ho ricevuto da loro, bellissime e illuminanti: “ho scelto il liceo classico perché voglio fare cose grandi nella vita: non so ancora quali, ma so che passano da questa scuola”; “mio padre è stato operaio e ora è disoccupato, l’ho visto piangere: studio al liceo perché voglio costruirmi un futuro migliore”; “il liceo classico mi aiuta a capire la politica, come si fa a farsi abbindolare da Trump dopo aver studiato Platone?” e, ancora, “il liceo classico è per me è una sfida, mia madre diceva che non ce l’avrei mai fatta e invece eccomi ancora qui”».
La sfida con se stessi (e non con la grammatica), gestire il fallimento di un compito in classe o la gioia di una versione che per una volta ha senso: “a mio parere il liceo classico è una scuola che insegna il mestiere di vivere, citando Pavese, preparando a tutta la gamma di dolori e di successi che la vita adulta riserva ad ognuno di noi”.
La manifestazione è proseguita con l’esecuzione di alcuni brani da parte del giovanissimo Carlo Mistretta di 11 anni che ha incantato il pubblico eseguendo all’oboe musiche di Morricone e Piovani. Quindi gli alunni del Mignosi hanno letto dei brani inerenti il tema: “L’amore e i dolci tormenti del Sud”. La serata si è conclusa con il trio “Cantamuri” : Passione, amore e tutta l’anima mediterranea. Dalla voce di Debora Di Pietra, il violino di Luigi Amico e il pianoforte di Roberto Macrì hanno preso vita serenate siciliane e classici napoletani, rivestiti di nuove sonorità e delicati arrangiamenti, apprezzati dal pubblico entusiasta. Il prossimo appuntamento con Cercatori di Bellezza il 21 febbraio presso l’Auditorium del Liceo Classico “Mignosi” in Caltanissetta, tema della serata sarà: ”In viaggio verso…se stessi” con l’esibizione del duo Evelyn Leone voce e Miky Giordano chitarra. Ancora una volta il Lions Club di Caltanissetta si fa promotore dei giovani.

IMG_5905

Condividi

 

Tags

Scroll to top