Campo Emilia, l’integrazione possibile

campi giovani lions, scambi giovanili lions, campo emilia 2018, distretto lions 108Tb, lions italia

Una straordinaria esperienza umana ed educativa, un laboratorio in cui si sono confrontate culture differenti e creati legami di fratellanza, aperti all’inclusione di tutto ciò che solo in apparenza può sembrare lontano o diverso.

Questo è stato il Campo Internazionale della gioventù “Emilia”, organizzato e promosso per la prima volta a Reggio Emilia dal Distretto Lions 108 Tb, in collaborazione con l’Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti di Reggio Emilia.

Campo Emilia: lo spirito dei Lions

Una trentina di giovani, di età compresa tra i 16 e i 22 anni, provenienti da tutto il mondo, dopo essere stati ospitati campo emilia 2018 lionsper due settimane da famiglie di Reggio, Modena, Bologna e Ferrara, hanno vissuto tutti insieme per dieci giorni presso l’Ostello della Gioventù del Castello di Rossena, da dove i soci Lions li hanno guidati in un percorso di attività culturali, ludiche e sportive finalizzate all’inclusione.

Erano diverse quest’anno le aspettative riposte nei “giovani ambasciatori”: per la prima volta, infatti, un Campo Lions per la gioventù ha provato ad integrare 4 ragazzi ipovedenti in un programma comune con 27 ragazzi vedenti.

Grazie alla proficua collaborazione con Chiara Tirelli, presidente dell’Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti di Reggio Emilia, che ha seguito i ragazzi per tutta la durata del campo e con cui c’era stata fin dai mesi precedenti una costruttiva condivisione di programma e di intenti, l’esperimento ha prodotto risultati talmente straordinari nel processo di coinvolgimento dei giovani che al prossimo Forum Europeo Lions previsto per ottobre a Skopje, si proporrà di aprire l’edizione 2019 del Campo “Emilia” a ragazzi non vedenti o ipovedenti di tutto il mondo.

Il Campo Emilia è la testimonianza tangibile della mission dei Lions: promuovere la comprensione tra i popoli – ha commentato il direttore del Campo Daniela Gardini – l’inclusione rappresenta lo strumento più efficace per raggiungere questo scopo di sensibilizzazione e comprensione reciproca anche su temi come la cecità”.

Conoscere il territorio e i Cani Guida Lions

Le attività svolte quest’anno, iniziate con la presentazione dell’iniziativa alla città di Reggio nella Sala Tricolore, sono continuate con una biciclettata per la città di Ferrara, dove i ragazzi ipovedenti si sono affidati ai compagni che guidavano i tandem. Bellissima l’esperienza della “cena al buio” durante la quale i ragazzi sono stati bendati ponendosi allo stesso livello dei giovani ipovedenti.

campo emilia lions 2018Quindi la visita a Limbiate, alla scuola Lions per la formazione e l’addestramento dei cani guida, e a Bologna con la giornata di apertura dell’annata Lions e la sfilata delle bandiere; e ancora la visita guidata all’incantevole Venezia, la giornata in collina al sentiero attrezzato di Civago e la cena sotto le stelle nel borgo medioevale di Votigno, dove fra le antiche pietra del borgo si udivano le voci dei ragazzi provenienti da Algeria, Armenia, Brasile, Canada, Danimarca, Estonia, Finlandia, Georgia, Germania, India, Israele, Italia, Messico, Norvegia, Serbia, Spagna, Stati Uniti, Taiwan, Thailandia, Turchia, Ungheria.

La Carta dei Ragazzi dei Diritti dell’Uomo

Tanti anche i momenti di confronto e riflessione su tematiche civili e sociali che hanno portato all’elaborazione di una “Carta dei Ragazzi dei Diritti dell’Uomo” che, secondo i giovani ambasciatori, dovrebbe essere adottata da tutti i popoli della terra.

Un’esperienza unica, che ha permesso a tutti di capire che esistono solo le persone: ragazzi, uomini e donne, tra loro differenti, che hanno percorso assieme un tratto del sentiero della vita confidando gli uni negli altri.

La collaborazione con UICI

Lions e UICI sono associazioni molto attive sul territorio che si impegnano per rendere migliore la vita di tante persone con difficoltà visive – ha dichiarato Chiara Tirelli, presidente dell’Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti di Reggio Emilia – vari sono i servizi e le attività promossi annualmente dai Club, e quando si lavora insieme riuscendo a condividere bisogni e scopi, come è stato per il Campo Emilia, i risultati sono straordinari. Ringrazio tutti per avermi coinvolto in questa bellissima esperienza e spero ci saranno in futuro molte altre occasioni di collaborazione”.

Un grazie a chi ha reso tutto ciò possibile…

I ragazzi sono stati seguiti per tutta la durata del Campo della Gioventù dal responsabile distrettuale degli scambi campo emilia 2018 lionsLoris Baraldi, dal direttore del Campo Daniela Gardini, dai camp leader Marco Tioli, Eugenia Giorgini, Lorenzo Prati, Matteo Cantadori, dal tesoriere Laura Lasagna, dal segretario Sergio Vaiani e dal medico del Campo Vincenzo Faraci.

L’iniziativa è stata sostenuta dai Lions Club Canossa Val d’Enza, Castelnovo Monti, Correggio “Antonio Allegri”, Fabbrico Rocca Falcona, Guastalla Ferrante Gonzaga, Reggio Emilia Host Città del Tricolore, Regium Lepidi e Cispadana, Reggio Emilia La Guglia-Matilde di Canossa, Sant’Ilario d’Enza, Scandiano, Argelato San Michele, Malalbergo Lyda Borelli e San Giovanni in Persiceto in provincia di Bologna, e sette club del ferrarese: Ferrara Ercole I d’Este, Ferrara Europa Poggio Renatico, Ferrara Diamanti, Ferrara Estense, Santa Maria Maddalena Alto Polesine, Ferrara Host e Codigoro.

Condividi

 

Tags

Scroll to top