LIONS INTERNATIONAL

MULTIDISTRETTO 108 ITALY

LIONS INTERNATIONAL

MULTIDISTRETTO 108 ITALY

MK Onlus: di nuovo in Burkina Faso

MK Onlus Lions Burkina Faso

di Salvatore Masia

Dal 27 Novembre al 10 Dicembre MK onlus ha effettuato l’ennesima missione in Burkina Faso a cui ho partecipato, come oculista, insieme ad altri colleghi dell’associazione. Sono stati portati a termine e perfezionati aiuti umanitari nel campo della sanità, dell’infanzia, dell’agricoltura e della formazione professionale.

L’impatto col BF è sempre scioccante e contradditorio. Dentro di me si alternano e si combattono sensazioni di MK Onlus Lions Burkina Fasorabbia, di empatia e di speranza.

Rabbia per la sensazione di impotenza che avverto ogni volta che torno nonostante l’impegno personale e di tutti i miei amici di MK.

Rabbia perché dopo tanti anni dalla mia prima missione in questa terra noto che ancora esistono troppe iniquità e poco sviluppo.

E provo empatia per questa gente dall’indole buona e dotata di una capacità di sofferenza inimmaginabile per noi occidentali viziati.

MK Onlus Lions Burkina FasoEmpatia e affetto per Awa, giovane donna di 16 anni che, seduta insieme ad altre donne sull’uscio di una misera capanna, allatta il suo bambino, e ha un pezzo di stoffa sporca che copre una ferita su una caviglia gonfia; la ferita è aperta e presenta una secrezione purulenta su cui svolazzano nugoli di mosche. Awa sorride flebilmente, non si lamenta, continua a dare il seno al bambino.

Eppure ha 39,5° di febbre e corre seriamente il rischio di gravi complicazioni; è guarita dopo le medicazioni giornaliere e l’assunzione di antibiotici.

Empatia e affetto per Issaka che a 25 anni è cieco per un glaucoma che non ha mai potuto essere neppure diagnosticato perché non può pagarsi una visita oculistica.

Empatia e affetto per Jerome, cinquantenne che da 15 anni, per una cataratta completa bilaterale si è fatto MK Onlus Lions Burkina Fasoaccompagnare, per ogni sua esigenza, dai figli, e che è tornato a vivere dopo l’intervento chirurgico.

Empatia e affetto per i cinquemila bambini malnutriti e scheletriti che vengono seguiti nel “Centro di Recupero Nutrizionale” gestito dai padri Giacomo, Sylvestre e Tomasz, tre ammirevoli frati Francescani a Sabou.

Nonostante tutto è sempre la speranza in una vita migliore che ha il sopravvento, e il contatto con questa realtà precaria non fa altro che rafforzare in me la voglia di impegnarmi a portare solidarietà e speranza e a mettere in questo mare di sofferenza una goccia di aiuto che può rendere più lieve la vita di questa gente.

 

Per una visione ottimale si consiglia di ruotare
il tablet in orizzontale