Campo Laghi Lions 2018: la parola ai Camper!

campo dei laghi 2018 campi giovani lions

di Kean Hansen e Zeynep Yilmaz

Come vivono l’esperienza dei campi i ragazzi che vi partecipano? Cosa riportano a casa nel loro zaini?

Ovviamente, solo loro hanno la risposta. E, allora… chiediamoglielo! Qui di seguito troverete i due interventi che Kean Hansen e Zeynep Yilmaz hanno tenuto in occasione della Cerimonia di Accoglienza del Campo dei Laghi 2018 organizzato dai Distretti Lions 108 IB2, IB3 e IB4

Buongiorno a tutti!

Sono Kean dalla Danimarca e quest’anno sono staff nel campo dei laghi del Lions Club. L’anno scorso ho avuto la fortuna di essere un camper al Campo dei Laghi e quest’anno Ivo mi ha dato l’opportunità di tornare come membro dello staff.

Come camper puoi vivere e conoscere culture diverse da tutto il mondo. Ho avuto la certezza che non potrei ricevere da nessun’altra parte quanto ricevuto da questa esperienza.

Quest’anno ho avuto l’opportunità di donare a questi bei giovani le stesse esperienze ed emozioni che sono rimaste impresse nella mia mente e nel mio cuore dall’anno scorso.

Ora, come membro dello staff, mi è molto chiaro vedere cosa prova un camper in questo incredibile ambiente con campo dei laghi 2018 campi giovani lionsaltre persone da tutto il mondo.

Tutti vedono, ascoltano e realizzano qualcosa di nuovo ogni giorno e da una prospettiva esterna, è una sensazione incredibile vedere come le personalità iniziano a crescere e come le persone escono dal loro guscio e iniziano a sbocciare.

Il gruppo è pieno di energia e tutti hanno la volontà di ottenere nuove conoscenze. Sono molto desiderosi di condividere ciò che hanno portato con sé nello zaino dai propri posti nel mondo e si sforzano di includere tutti nel gruppo.

Sto acquisendo nuove conoscenze e comprendo altre culture. Shubham mi ha insegnato che non è la religione che fa adorare le mucche in India, ma è perché vedono la loro mucca come una parte della famiglia. Bogi mi ha convinto che probabilmente non sarò mai in grado di parlare correttamente l’ungherese e Anna mi ha detto che nella sua casa in Texas mantengono un conto di quanti scorpioni hanno ucciso.

Questa è tutta conoscenza che non avrei mai potuto ottenere se non fossi riuscito a partecipare al Campo dei Laghi.

L’anno scorso mi è stata insegnata una frase italiana dal mio host-dad, Daniele, che mi è rimasta impressa. La frase è “riempitevi gli occhi”. Ha usato questa frase quando abbiamo visto il tramonto sul lago di Mantova. Mi ha detto che l’intenzione è svuotare gli occhi e riempirli con quanto stai vedendo. Questo è diventato molto speciale per me, perché ogni volta che ripenso all’anno scorso, vedo lo stesso tramonto sul lago e sento che le emozioni arrivano dal mio soggiorno in Italia.

Questo è il motivo per cui vorrei trasmettere a voi la frase: “Voglio che svuotiate la mente per riempirla con le esperienze e le emozioni che riceverete in Italia”

Prima di concludere, vorrei esprimere un ringraziamento speciale al mio grande amico Ivo per avermi dato tutto ciò che il campo mi ha dato e grazie per avermi permesso di tornare e provare tutto ancora una volta. Sono grato per il lavoro che svolgi e tu sei veramente una fonte d’ispirazione per me, quando vedo come metti il tuo cuore e la tua anima nel rendere questo campo quello che è oggi. Grazie.

Le mie ultime parole andranno ai camper seduti qui oggi. Tenete gli zaini aperti in modo che possiate condividere ciò che c’è dentro, ma anche riempirlo con qualsiasi cosa stiate sperimentando per portarlo a casa con voi. Vorrei anche ringraziare tutti voi. Siete tutti giovani meravigliosi e belli e senza di voi non ci sarebbe il Campo dei Laghi. Vi auguro buona fortuna da qui in avanti!

E infine, grazie mille per la vostra attenzione. Kean

campo dei laghi 2018 campi giovani lions

Cari ospiti, camper e membri Lion, Buongiorno. Sono qui per raccontarvi le mie esperienze durante il mio programma di scambi giovanili in Italia. Sto anche rappresentando il mio paese, la Turchia. Prima di tutto, grazie al nostro direttore, Ivo Benedetti, per avermi scelto per fare questo discorso.

Sono Zeynep Yilmaz e ho 19 anni. Vivo ad Istanbul, la città più affollata della Turchia. La Turchia è circondata su tre lati dal mare e ha 2 stagioni in un anno. La nostra lingua principale è il turco e il nostro regime è la democrazia. Gli studenti Lion in Turchia devono sostenere un esame e hanno bisogno di ottenere un buon punteggio per accedere a questo programma.

Sono arrivata il 24 giugno e ho trascorso undici giorni con la mia famiglia ospitante a Vigevano. Il mio host dad era Massimo, la mia host mom era Desy, le mie sorelle ospitanti erano Lucrezia e Corinna e il mio fratello ospitante era Ottavio. Non mi sono mai sentita come se fossi lontano da casa quando ero insieme alla mia famiglia ospitante. Mi sentivo come se fossi una piccola parte della loro routine. C’è solo una piccola differenza: non so come parlare in italiano!

Secondo me, condividere una casa è il modo migliore per comunicare e capirsi a vicenda. Ho avuto la possibilità di osservare la cultura italiana e viceversa.

Quando guardo indietro e mi chiedo “Che cosa ho imparato dal mio primo programma di scambio?”

campi giovani lionsDevo dire che ho imparato a vivere da sola e rispettare gli altri. Ho imparato a godermi la vita. A casa, mi sono sempre comportata come i miei genitori volevano che io mi comportassi e pensassi come il mio paese voleva che pensassi e seguissi un certo gruppo, nonostante le mie convinzioni personali. Sono sicura che ogni studente ha sperimentato questo per una volta. Credo di aver trovato la mia personalità in queste tre settimane.

Questo programma di scambio mi ha aiutato a entrare in contatto con amici della mia età. Tutti noi abbiamo hobby diversi, culture diverse, lingue diverse e razze diverse, ma siamo insieme e abbiamo raggiunto lo stesso obiettivo, condividere e imparare la cultura dell’altro. Da dove vengo, le persone non sembrano mai scendere a compromessi a causa della situazione politica, ma abbiamo imparato come stare insieme dal nostro fondatore, Ataturk.

I problemi politici accadono in tutto il mondo. Come parte di questa giovane generazione credo che possiamo dimostrare ai nostri anziani che possiamo fare qualcosa di buono per il nostro paese e creare un cuore solo per 7 miliardi di persone.

In conclusione, in Italia è stato fantastico, abbiamo ricordi che non dimenticheremo mai, ma soprattutto abbiamo un nuovo posto che possiamo chiamare casa anche se lontano da dove viviamo.

Grazie ai Lions ai Leo, grazie a tutti coloro che hanno lavorato in questo campo e grazie ai miei amici per avermi aperto il mio cuore, ora posso vedere il mondo da un’altra finestra. Grazie per avermi ascoltata!

Sono veramente grata per questa opportunità. Buona giornata. Ciao! Zeynep

 

Condividi

 

Tags

Scroll to top