Tema di Studio Nazionale: importante convegno a Firenze

lions tema nazionale di studio 2018-2019

Tema importante e delicatissimo quello affrontato il 2 marzo a Firenze dal Convegno Disturbi comportamentali dell’alimentazione (anoressia, bulimia) e ulteriori difficoltà dell’essere genitori oggi’ organizzato dai Lions Club Firenze Ponte Vecchio, Fiesole, Pontassieve-ValdiSieve.

lions italia tema nazionale sturido 2018-2019Nell’affollato Auditorium della Cassa di Risparmio si è svolto l’incontro caratterizzato da un forte respiro multidisciplinare legato proprio alla complessità di quella condizione patologica multifattoriale che esita nei Disturbi del Comportamento Alimentare e che ha visto i Lions della Toscana anche fare emergere nuovi scenari e nuovi orizzonti scientifici.

I lavori sono stati aperti dai saluti ai numerosi partecipanti di Daniele Greco, Governatore del Distretto 108la, di Sara Funaro, Assessore alle politiche socio sanitarie del Comune di Firenze, dei Presidenti dei Club organizzatori Mariacarla Sinnati, Marco Di Marco, Maurizio Mannelli, quindi le relazioni, intense e molto seguite, moderate dai medici Lions Dr. Pier Luigi Rossi, Dr. Carmela Savastano e Dr. Luca Lillo.

Si sono confrontati medici nutrizionisti, psichiatri, dirigenti scolastici, funzionari della Polizia Postale, insieme alle associazioni di genitori che hanno portato la propria toccante ed impegnata testimonianza: il professor Pier Luigi Rossi, la dott.ssa Denise Giacomini del Segretariato Generale del Ministero della Salute, le psichiatre la dott.ssa Barabara Mezzani dirigente dell’AOU Careggui, la dott.ssa Tiziana Pisano dirigente dell’AUO Meyer, il presidente della Onlus Conversando Silverio Spitaleri, la prof. Antonella Grilli dell’USR (ufficio scolastico regionale), il funzionario della Polizia di Stato, Ing. Gianluca Massettini.

Il tema della salute dei nostri giovani vede i Lions molto impegnati – ha spiegato il Governatore Distretto LC 108La Toscana, Daniele Greco – Bulimia e anoressia sono tematiche sociali su cui possiamo e dobbiamo intervenire per dare un supporto valido alle famiglie. La corretta informazione è fondamentale, e noi Lions, insieme ad esperti del settore, siamo impegnati nell’offrire alle famiglie gli strumenti per intervenire tempestivamente, perché la prevenzione è fondamentale”.

La tematica dei disturbi del comportamento alimentare – ha spiegato la dott.ssa Denise Giacomini, del Segretariatotena nazionale di studio lions 2018-2019 convegno firenze generale del Ministero della Salute – è stata da sempre uno dei focus per la prevenzione. La Direzione generale della prevenzione del Ministero della Salute con la Direzione Igiene Alimenti e Nutrizione negli ultimi anni hanno lavorato in sinergia per produrre una serie di documenti programmatici, come le linee di indirizzo a carattere nazionale per rendere omogeneo sull’intero territorio nazionale l’approccio a questo tipo di patologia. L’impegno del governo centrale è quello di rendere più omogeneo possibile ogni intervento: abbiamo la mappatura dei servizi e un numero verde, ma puntiamo a migliorare attraverso un approccio multidisciplinare, prendendo in considerazione anche le istanze dei familiari delle associazioni. È importante la ricerca, l’evidenza scientifica e il dato epidemiologico di queste patologie che ad oggi ancora non abbiamo. L’impegno forte delle istituzioni in questo momento è creare una rete per arrivare a un dato certo”.

L’orientamento dominante su anoressia e bulimia è una presenza di un intervento psichiatrico – ha detto il professor Pier Luigi Rossi, specialista in scienza dell’alimentazione e Primo ViceGovernatore del Distretto 108La- Il mio contributo a questo convegno è stato quello di allargare il campo. L’anoressia può essere originata da una alterazione delle cellule enteroendocrine presenti all’interno dell’intestino, cioè l’alimentazione può condizionare la funzionalità dell’intestino e l’intestino può mandare impulsi al cervello modificando il comportamento alimentare”.

convegno firenze tema di studio nazionale lions 2018-2019Sono molto contenta perché abbiamo raggiunto l’obiettivo che ci eravamo prefissi – spiega la moderatrice la dott.ssa Carmela Savastano del Comitato Scientifico e Presidente di Zona del Distretto 108La – quello di sollecitare l’attenzione, approfondire, fare cultura, perché la vera prevenzione sta in questo: se un problema si conosce, si evita. I Lions hanno sempre avuto a cuore la vita dei giovani, prestando attenzione tanto alla salute fisica che psichica, i disordini alimentari colpiscono maggiormente gli adolescenti, soprattutto di sesso femminile, e come tante patologie se non trattate in tempo e con metodi adeguati, possono diventare una condizione permanente e nei casi gravi anche portare alla morte. Insieme agli esperti del settore, abbiamo chiamato i rappresentanti dell Ufficio Scolastico Regionale, la Polizia Postale, e delle associazioni di genitori. Abbiamo voluto ascoltare il Ministero della Salute e le sue raccomandazioni nello specifico, per ribadire la assoluta necessità di politiche corrette e di attenzione al cibo spazzatura, all’uso indiscriminato individuale di psicofarmaci, al bombardamento delle diete e agli errati stili di vita. Come evidenziato dai medici sono emerse anche le difficoltà del mondo sanitario: la necessità di intercettare in fase preventiva anche condizioni che potrebbero evolvere in un quadro conclamato quindi di diagnosi precoci e corrette, di aiutare i ragazzi a uscire dall’isolamento e a potenziare la loro autostima. In particolare abbiamo voluto avviare un nuovo modo di leggere i disturbi alimentari unendo psichiatri e nutrizionisti. Infine l’importanza del ruolo del web nelle sue criticità (siti che inneggiano all’anoressia e alla bulimia) e le sue potenzialità (siti di associazione che le combattono). Abbiamo dunque cercato e ottenuto di fare cultura a tutto tondo, principalmente verso le persone che non sono toccate da questo problema”.

Molto interesse e numerose le domande da parte del pubblico ai Relatori prima della conclusione dei lavori, seguita dal conferimento delle targhe ricordo da parte dei Presidenti dei Club.

Condividi

 

Tags

Scroll to top