Salerno: Progetto Martina all’Istituto Alberghiero

lions progeto martina

Nell’ambito dei service di interesse nazionale “Progetto Martina”: parliamo ai giovani dei tumori” – lezioni contro il silenzio, si è tenuto a Salerno l’incontro con gli studenti dell’Istituto Professionale Alberghiero “Roberto Virtuoso” grazie all’impegno congiunto dei Presidenti ing. Lorenzo Criscuolo del Club Lions Salerno Host ed il dott. Giuseppe Pistolese della sezione di Salerno della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori (LILT).

L’obiettivo primario del Progetto Martina è quello di informare gli studenti sulla necessità della prevenzione dei tumori, ossia conoscerli per evitarli. Altri obiettivi sono la tempestiva diagnosi e l’idonea terapia; infatti, la lotta ai tumori si basa su tre pilastri: 1) evitare che il il tumore insorga eliminando i fattori di rischio (prevenzione primaria), 2) diagnosticare in tempo utile una sua comparsa (diagnosi tempestiva) e 3) applicare una opportuna terapia (terapia efficace).

Il service, inserito nella funzione strumentale come ”Progetto Salute e stili di vita” e coordinato da lions progetto martinaTommaso De Martino, Segretario del Club Lions Salerno Host, e dalla prof.ssa Nunzia Salvati, docente dell’IPSEOA “R. Virtuoso”, è stato indirizzato agli studenti dell’istituto diretto dal prof. Gianfranco Casaburi.

L’incontro, è stato affidato al dott. Antonio Brando, medico urologo, il cui tema è stato: “Conosci te stesso-proteggi te stesso”; al dott. Antonio Fresa odontoiatra, il cui tema è stato: “Microbiotica odontoenterico-nemico o alleato?”; al dott. Oto Cusano Coordinatore Regionale LILT è stato affidato il tema: “La ristorazione collettiva”: La dott.ssa Anna Maria Cascone – Specialist Distretto Lions 108Ya del “Progetto Martina” – ha parlato di alimentazione, di fumo da tabacco, di alcool e di infezioni sessualmente trasmesse, che, oltre ad assumere una grande importanza  in quello che è da considerarsi un corretto stile di vita, rappresentano una indiscutibile causa di patologie neoplastiche.

Il service ha avuto un ottimo riscontro tra i ragazzi della scuola, circa 100, perché i medici si sono relazionati in maniera semplice ed appassionata, tanto che i ragazzi avrebbero voluto avere ulteriori informazioni. Per questo motivo il Club Lions Salerno Host pensa di ripetere l’esperienza allargandola ed approfondendola, anche per verificare la ricaduta sul loro stile di vita.

Condividi

 

Tags

Scroll to top