A Gela “Carrello Solidale” raccoglie 15 quintali di alimenti ...

lions gela coronavirusE’ partito l’8 aprile il primo service del neonato Specialty Lions Club Gela Ambiente Territorio Cultura. Un service dedicato alle fasce più deboli per tutto il mese di aprile. Da quel giorno i soci del club Lions presidiano tre supermarket della città dalle 9 alle 12 e dalle 16 alle 19.

Ogni sera, a fine raccolta, tutti gli alimenti raccolti vengono consegnati alla locale Croce Rossa la quale provvede alla distribuzione porta a porta alle famiglie in difficoltà economica che ne fanno richiesta.

Quasi 15 quintali di generi alimentari di prima necessità, sono stati raccolti nei primi otto giorni. Scopo del service è non solo quello di aiutare chi ha bisogno ma di limitare la circolazione delle persone, in attuazione del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri.

Lo Specialty Lions Club Gela Ambiente Territorio Cultura è stato immatricolato il 20 dicembre 2019 ed avrebbe dovuto festeggiare la consegna della Charter il 14 aprile. A causa dell’emergenza Covid 19 la cerimonia è stata rinviata a data da destinarsi. Anche se in piena emergenza, il presidente Antonio Benfatti proponeva al direttivo il service del Carrello Solidale che veniva immediatamente approvato all’unanimità da parte del Consiglio.

Non si può girare lo sguardo e rimanere indifferenti o insensibili alle richieste di aiuto che provengono dal territorio – ha raccontato Antonio Benfatti – e così il Club che ho l’onore di rappresentare ha deciso di mobilitarsi per mettersi al servizio del nostro territorio in questa fase delicata e drammatica legata alla pandemia”.

Ci siamo guardati in faccia e senza esitazione alcuna – osserva ancora il presidente – abbiamo convenuto di doverci rendere utili con una serie di iniziative nella convinzione che il passo del codice dell’etica lionistica che recita, ‘Essere solidali con il prossimo offrendo compassione ai sofferenti, aiuto ai deboli e sostegno ai bisognosi’ doveva essere immediatamente attuato proprio in considerazione dell’emergenza vissuta e dare cosi un servizio al nostro territorio“.

Condividi

 

Tags